.
Annunci online

"L'arte è un investimento, la cultura un alibi." Ennio Flaiano.
TUTTO, DI NUOVO. NULLA DI NUOVO.
post pubblicato in amore ed eros, il 21 giugno 2009



Delia ha un negozio di ceramiche. Una piccola bottega, perduta nel giallo ocra delle pareti, che al tramonto si fa verde muschio. Un gioco di luci ed ombre, intrappolato tra le mattine e le sere. Un’incantagione . Come un amore che non sa morire e non sa vivere.
Tutto ciò che Delia fa, lo espone, prima o poi, su solide mensole di legno di castagno, lasciato al naturale. Dall’apparenza robusta. Da lì sembra impossibile che possa udirsi un fragore di frangibilità.
Eppure è accaduto. Un bel giorno è andato tutto in mille pezzi.
Ma le mani sapienti di Delia hanno rimediato, con nuovo lavoro, paziente e tenace.
Cose già viste. Cose amate. Vasi, barattoli, piatti, acquasantiere, bugie.
Tutto, di nuovo. Nulla di nuovo. Tutto rifatto da capo e da capo su una mensola, ad inorgoglirsi di sè.
Chi passa guarda. E a volte lo fa con le mani.
Un oggetto finito sembra privo di misteri. Il bianco del fondo appare una necessità a cui nessuno ha dato anima . Il decoro un percorso obbligato, la traccia d’un canone affondato nei secoli d’una tradizione. Una replica devota.
Ma se ti fermi a guardare i gesti di Delia e il suo sguardo, durante il lavoro, al bancone giù in fondo, dove la bottega s’allarga e si smussa in due alcove, lo sai che non è così.
Ti accorgi che tutto è voluto, cercato. Con attenzione. Quella foglia e non un’altra. Il fondo opaco piuttosto che brillante. Un manico intrecciato invece che liscio.
Quando tiene in mano il pennello, il suo petto appare senza respiri.
Nessun segno di vibrazione. Nessuna increspatura. Solo quando lo posa e guarda , il cuore sembra riprendere ritmo.
Allora anche gli occhi , che stavano ad aspettarne il battito ammirati, s’allargano di sguardi nuovi, si permettono un battito a loro volta. Durante, no. Sono in apnea. Come il respiro di Delia. Una sospensione in cui persino il tempo disimpara la scansione di sé e resta a guardare.
Ed anche io sto a guadare, sospesa. Trattenendo il fiato. E quando lei posa il pennello penso: ecco, questa è la certezza dell’amore. Essere scelti.

 




Gentle Giant- A reunion





permalink | inviato da non avrai il mio scalpo il 21/6/2009 alle 2:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
Sfoglia maggio        luglio
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca