Blog: http://BIBLIOCECA.ilcannocchiale.it

IL CAVALIERE INESISTENTE

 

 


 

 

Non so voi, ma io a Berlusconi filantropo ci credo. Come si potrebbe definire altrimenti uno che organizza di continuo cene a casa propria, senza alcun secondo fine se non la più nobile delle convivialità, e che per di più alla fine della serata elargisce gioielli e denaro con l’esclusivo scopo di strappare qualche sorriso qua e là?
Certo salta agli occhi la sua inclinazione a far del bene esclusivamente a creature del gentil sesso, giovanissime signorine dalle idee chiare, dal temperamento intraprendente e  e dalla coscia lunga, ma la generosità a volte è capricciosa e unilaterale. Prendiamo Madre Teresa di Calcutta.  Avrebbe potuto fare del bene a giovanotti atletici e palestrati. E invece no. Aveva la fissazione per i lebbrosi.
Io, comunque, sono preoccupata. Vuoi vedere che oltre a considerarlo un evasore,un truffatore, un corrotto, un concusso, un adescatore di prostitute, un palpatore concupiscente di minorenni, cominciano ad accusarlo anche di sessismo?


 

 

 


 

Pubblicato il 28/1/2011 alle 19.54 nella rubrica prospettive.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web