Blog: http://BIBLIOCECA.ilcannocchiale.it

NAVI IN DISARMO



S’informa la gentile clientela che il ristorante resterà chiuso.
Il cartello è giallo, l’inchiostro nero, la saracinesca abbassata. La promessa mantenuta, ne è testimone la polvere. Da giorni sigilla l’abbandono. Pile di piatti, pentole, posate giacciono inermi al di là della scritta e nell' immaginazione di chi legge con animo predisposto alle macerie umane.
E intanto nella veranda di fronte, gigantesche piante grasse si decompongono fra tavoli sguarniti, con grazia lenta. Hanno intenzione di resistere, più dell’inchiostro che già s’attenua lungo i margini della a di informa.
Una a perspicace, che ha capito che è meglio cercare altrove. Magari in un altro cartello giallo. Ma se fosse davvero perspicace opterebbe per la a di cambiale. Dei cartelli oggi non c’è da fidarsi, vanno e vengono come  pioggia di marzo, ma con voce muta, senza canti argentini.
Un’economia errante sta cambiando la geometria ai negozi, alle strade, alle persone.
I commessi sbadigliano sguardi, talvolta dalla soglia delle botteghe, con un fianco appoggiato al deserto e l’altro proteso verso il marciapiede distratto.
I passanti tendono a passare. La maggior parte ha in tasca una quantità  di soldi che spinge a tirar dritto. Indugiare di vetrina in vetrina è un’arte insidiosa. I coraggiosi  lo fanno senza farsi rapire, come nuotassero con frequenti bracciate in un mare infido.
E i fortunati, cui il vento riserva marosi affrontabili, spesso restano delusi. Le stesse cose d’un tempo precedente si offrono sugli scaffali con sorrisi beffardi, come dicessero: E fra un mese, lo stesso. Non tornare se non ti piacciamo. Non credere a quel tale che ci ha disposti in bella mostra, con mani smorte. Nessun arrivo imminente. Stiamo per essere abbandonati. La nave affonda.
Navi in disarmo. Che spengono la scellerata fede  nell’infinito brulicare d’oggetti.
Un’economia errante sta cambiando le città. Viene da lontano e non porta lontano.
E’ un frutto esotico, oscuro.
Mortale.














Pubblicato il 24/2/2013 alle 16.0 nella rubrica prospettive.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web